Risultati della ricerca:

Results from 1 to 10 on 22 found for impianti
Le protesi dentali rimovibili sono apparecchi che sostituiscono i denti. Sono fatte di resina rosa, che è come una sella che poggia sulle gengive e ha dei denti di resina sopra. Gli apparecchi possono essere parziali o totali. La protesi è totale quando non ci sono più denti. Eventualmente una protesi totale può essere ancorato sopra degli impianti, cosa che aumenta notevolmente la stabilità dell'apparecchio rimovibile nell'arcata inferiore. Effettivamente capita regolarmente che pazienti, anche anziani, dopo anni di protesi totale decidono di mettere degli impianti. Con dei bottoni o una barra si attacca la protesi sopra gli impianti. Una protesi sopportata da impianti restituisce tanta forza nella masticazione, per mangiare di nuovo, ad esempio, la crosta del pane e restituisce sicurezza a chi per anni ha lottato con una protesi ballerina in bocca.  Quando la protesi è poco stabile potrebbe essere che ha bisogno di una ribasatura, cioè del rinnovo della base di resina della protesi stessa. Una protesi che poggia sopra le gengive esercita una forza sull'osso che lentamente si riassorbe. Cosi dopo anni la protesi dà la sensazione di essere troppo grande e balla in bocca. Ci sono diversi prodotti che tengono fisse le protesi, che sono giusto degli aiuti per una protesi che forse ha bisogno di una semplice ribasatura. Se si tratta di un' escrescenza di gengiva, detta “flabby ridge”, che impedisce la stabilità della protesi, e che potremo rimuovere con il laser con l'uso di poca o nessuna anestesia. Se decidiamo di fare una nuova protesi all'inizio può essere poco comoda. Addirittura si può sentire dolore a portarla. Bisogna recarsi da noi in modo che possiamo correggere i punti dolenti sulla protesi. Importante però è che tu la porti un giorno intero prima dell'appuntamento, cosi possiamo vedere sulla gengiva dove preme troppo.  Quando una protesi è parziale vuol dire che sostituisce solo alcuni denti. Qualche volta temporaneamente, in attesa della protesizzazione di impianti, o quando non si sceglie l'implantologia per sostituire i denti. Un parziale può essere fatto di resina con dei fili in metallo che abbracciano alcuni denti per la stabilità dell'apparecchio. Eventualmente è possibile aggiungere un dente ad un apparecchio simile. Esistono anche apparecchi parziali più robusti e più stabili, gli scheletrati, che sono fatti di una lega fusa o di titanio che rinforza le selle in resina. Sono più stabili per il loro ancoraggio al dente naturale o a una capsula con eventuale lucchetto.  Quello che conta per tutte le protesi è la pulizia dell'apparecchio rimovibile. La resina è un materiale poroso e ci si possono annidare dei batteri e dei funghi. La protesi dovrebbe essere pulita dopo ogni pasto con uno spazzolino  e con acqua e sapone neutro. Sembra strano, ma il tartaro si forma anche sopra le protesi, come sui denti quando non si puliscono. Una volta formato il tartaro esso può essere rimosso soltanto dall' igienista o dal dentista. Inoltre le gengive vanno massaggiate una volta a settimana con uno spazzolino morbido per tenerle robuste e sane. Usando anche un dentifricio perché si possono sviluppare delle infiammazioni , o candidosi sgradevoli sotto la protesi, che sono poi difficili da sradicare. Si consiglia di non portare la protesi di notte. Meglio lasciare libere le mucose.  Anche se non ci sono più denti ti vogliamo comunque vedere per una visita di controllo all'anno. Controlliamo non solo la stabilità della protesi, ma anche le mucose, la lingua e le labbra. La cosa più importante accanto all'estetica è il rendimento di masticazione, perché la salute nel mangiare e la digestione iniziano in bocca!
PERCHE' CHIEDERE UNA SECONDA OPINIONE?  Oggi molti pazienti vogliono giustamente essere informati e desiderano, con la guida del medico, poter compiere autonomamente le proprie scelte per quanto riguarda la propria salute. Questo avviene anche per la loro bocca, oltre che per la loro salute in generale. Ma di fronte ad una diagnosi severa con un trattamento invasivo potresti dubitare sul parere del primo professionista che consulti, cioè quello del medico dentista di fiducia…. La richiesta di una seconda opinione, che in Nord-Europa è un diritto e qualche volta un obbligo assicurativo, deve essere considerata una scelta intelligente perché vuoi essere ancora più informato prima di togliere quel dente. “Veramente non lo possiamo più salvare?” “ Vorrei avere degli impianti ma mi hanno detto che non ho abbastanza osso, è vero?” “Soffro di un allergia e mi hanno detto che devo fare tutti i trattamenti senza anestesia, ma ho paura.'E vero, non c'è una soluzione?” PERCHE' AIUTA UN SECONDO PARERE Ma una visita da un altro dottore potrebbe anche creare ulteriori incertezze? Invece è l’opposto, nella nostra esperienza abbiamo visto che un ulteriore parere aumenta  la tua capacita di aderire alle cure proposte. Rinforza la convinzione di aver fatto la scelta giusta e aumenta la consapevolezza sulla propria situazione della bocca. Pensandoci, è logico che due persone sanno sempre più di una sola. Logicamente sembra più facile rivolgersi ad Internet per cercare di fugare i propri dubbi, e lì trovi anche troppe opinioni. Un colloquio con uno specialista chiarisce sicuramente di più per lo scambio di domanda e risposta. Crediamo fermamente nella collaborazione tra colleghi e lo Studio Moll ha la politica di inviare ad essi i pazienti anche nel caso in cui una cura necessaria non appartenga ai nostri servizi offerti. Purtroppo il servizio sanitario ignora il secondo parere; non è previsto alcun rimborso e la maggior parte dei medici si dimostra poco disponibile. Il diritto alla seconda opinione esiste solo sulla carta dei diritti del malato, invece dovrebbe far parte dell’assistenza medica ed odontoiatrica di base. SLOW DENTISTRY ED ETICA DEL DENTISTA L'Etica è la valutazione tra il giusto e sbagliato. Il porsi delle domande. 'E il trattamento corretto?, E' un trattamento realizzabile?, Il prezzo è quello giusto? L'etica del dentista sta nel scegliere l'approccio giusto e bilanciato, con rispetto per il paziente con tutte le sue problematiche orali e non-. Slow Dentistry è l'ascoltare del paziente e capire quali sono i suoi desideri e dopo lo studio e diagnosi offrire varie opzioni di soluzione è discuterne insieme. Nello Studio Moll diamo un secondo parere applicando l'etica professionale del dentista e le regole dello Slow Dentistry. Bisogna portare la documentazione come radiografie ed analisi e cercheremo di darti nuove informazioni. Perché è quello che desideri: avere più informazioni sulla diagnosi e la cura proposta, dove hai bisogno di una conferma o di un confronto che sia anche un conforto!
Un circolare è un ponte che comprende tutti i denti di una arcata come un ferro di cavallo. Si può dire che è un approccio di trattamento superato da tempo con l’ingresso dell’implantologia in odontoiatria. Un circolare comporta dei problemi di igiene orale con le conseguenti manifestazioni di gengiviti e parodontiti. Inoltre se appare un problema a un dente del circolare bisogna intervenire su tutta la struttura. Anche l’indicazione splintaggio dei denti non è più considerata pertinente, perciò nello Studio Moll il circolare non viene considerato un alternativa di trattamento. Cerchiamo sempre di fare capsule singole e impianti, che garantiscono l’integrità dei denti vicini e la possibilità di un igiene orale facilitata.
La peri-implantite è un’infiammazione grave intorno all’impianto dentale. Quando un impianto, il suo colletto e le mucose intorno non vengono pulite bene i tessuti molli che circondano l’impianto si infiammano, per causa della placca batterica. Questo stadio che si chiama mucosite è reversibile. Si riconosce perché al tocco la mucosa intorno all’impianto sanguina. Ancora l’infiammazione non si è spostata al livello dell’osso. Con una meticolosa pulizia e sciacqui o applicazioni di gel a base di chlorexidina si può risolvere. Invece lo stadio successivo è la peri-implantite, che può manifestarsi se l’igiene quotidiana è stata trascurata per più tempo. I sintomi sono certe volte assenti, soprattutto per i fumatori, però sulla radiografia vediamo una perdita di osso grave intorno agli impianti dentali. Al sondaggio può defluire il pus. Senza trattamento si potrebbe perdere l’impianto. Il trattamento consiste in un piccolo intervento in cui la gengiva viene sollevata. Con il laser decontaminiamo l’impianto e l’osso e vengono asportati i tessuti infiammatori. Dopodiché si ricostruisce con un osso demineralizzato artificiale il difetto intorno dell’impianto. Un’altra opzione è l’abbassamento dell’osso intorno all’impianto, sempre con il laser, che lascia le spire della vite scoperte sopra la gengiva e dobbiamo lucidare l’impianto. Avrai un impianto lungo. Una volta guarito va istaurata un'igiene orale corretta per poter prevenire altri episodi del genere.
Sono la Dottoressa Elena Speranza Moll, titolare dello Studio Moll. Mi sono laureata in Odontoiatria all’Università di Amsterdam nel 1988. Dopo la laurea sono venuta in Italia per un anno di riflessione e studio, lavorando comunque come dentista. Mi sono iscritta all’albo dei Medici e degli Odontoiatri a Brescia, perché lavoravo a Bergamo. Nel 1989 ho iniziato l’attività a Scandicci come libero professionista, ho avviato uno studio che successivamente nel 1993 ho potuto comprare dai proprietari precedenti. Attualmente sono iscritta all’albo dei Medici e degli Odontoiatri col numero 544. Nella mia professione mi occupo di odontoiatria generale, su cui faccio gli aggiornamenti e degli specifici corsi annuali. Partecipo ai grandi congressi Italiani e internazionali al fine di ampliare la mia conoscenza in odontoiatria, e per imparare a conoscere tante nuove tecniche di lavoro. SPECIALIZZAZIONI Ho iniziato con la chirurgia orale all'Università di Groningen in Olanda nel 1995. Mi sono indirizzata poi verso la parodontologia diventando socio della Società Italiana di Parodontologia dal 1995. www.sidp.it  gengive.org  Nell’ anno successivo ho iniziato a fare corsi teorici e pratici sull’ implantologia del sistema ITI a Milano e ulteriormente nelle tecniche avanzate di rigenerazione ossea, sia nella parodontologia (GTR) sia nell’implantologia (GBR). impiantidentali.org Ho fatto i corsi di perfezionamento all’Università di Firenze in Patologia Orale in 2004/2005 e nel 2002/2003 sull’Utilizzo del Laser in Odontoiatria. Visto il grande potenziale di applicazione ed i benefici per il paziente ho fatto altri corsi sull’argomento. Ho approfondito nella Scuola di Chirurgia Laser dell’Istituto Nazionale Tumori a Milano sulla “Chirurgia laser del cavo orale e otorinolaringoiatria” nel 2003 e sulla “Chirurgia laser della Cute e dei Tegumenti di transizione” e “Chirurgia laser cosmetica” nel 2005. Da questa ultima esperienza è iniziato anche l’interessamento e l'applicazione della radiofrequenza per il trattamento delle rughe peri-orali. A Vienna ho fatto i due Moduli con riconoscimento internazionale sui laser usati in odontoiatria nel 2007 e 2008, e il corso sulla Sicurezza Laser. Lavorando tanto con il laser ho creato un’ampia conoscenza sulle sue applicazioni, con documentazione clinica completa sui trattamenti laser-assistiti. Ho potuto condividere la mia esperienza con molti colleghi in qualità di relatrice in svariati congressi e conferenze in Italia e in tutto il mondo. Ho scritto e pubblicato anche degli articoli sull’argomento in giornali scientifici internazionali. Devo dire che fare i corsi e insegnare comporta anche imparare ed è una attività altamente stimulante. L'ultima mia presentazione a settembre 2012 era all'Università di Tor Vergata sull'uso del Laser in Chirurgia Parodontale Rigenerativa. CONSULENZE Dirigo il mio studio con consulenze specialistiche in ortodonzia per poter offrire al paziente sotto trattamento le varie opzioni del piano di trattamento presso il mio studio, sia per i bambini, sia per gli adulti. Già dal 2005 lo Studio Moll ha una fruttuosa collaborazione con il Dr. Giuseppe Citino. Quando lo ritengo utile chiedo un  consulto per te per ragioni funzionali, protesiche, chirurgiche o estetiche. Dopo lo studio del tuo caso l'ortodontista valuta la necessità del trattamento che potrebbe essere un semplice spostamento di un dente, come potrebbe essere una vera propria riabilitazione ortodontica, facendo uso anche di tecniche invisibili come Invisalign e l’ortodonzia linguale accanto agli apparecchi ortodontici tradizionali. Altrettanto mi avvalgo della consulenza di una specialista in Endodonzia per le devitalizzazioni più complessi. ASSOCIAZIONI Partecipo ben volentieri alle iniziative dell’ANDI, l’Associazione Nazionale Dentisti Italiani, che per informare il pubblico sulla salute della bocca è presente all’occasione del mese di prevenzione in ottobre sulle piazze fiorentine e nelle fiere con un gazebo in cui si trova una poltrona per fare le visite gratuite. Parliamo della prevenzione del cancro orale all’Oral Cancer Day, e per la lotta contro l’abusivismo della professione, informiamo la gente sui falsi dentisti che creano dei grossi danni biologici ai pazienti ignari. Nelle scuole abbiamo fatto il corso agli insegnanti, inoltre, come dentista ANDI effettuo le sigillature gratuite sui bambini dell’età di 7-8 anni. Nel nostro studio operiamo a livello internazionale; i miei assistenti parlano inglese, russo e spagnolo ed io, essendo Olandese, oltre alla mia lingua, parlo inglese, tedesco e francese. Ho una grande passione per il mio lavoro. Trovare la soluzione giusta alla misura della tua necessità e arrivare con l’aiuto dei collaboratori al risultato desiderato, che sia un bel sorriso o la funzionalità ripristinata, o il dolore tolto o la paura sparita, continua a darmi, anche dopo vent’anni di attività, sempre una grande soddisfazione professionale. Spero di vederti presto!
Se hai perso un dente oppure dei denti per un trauma si possono mettere gli impianti dentali quando i tessuti molli e le gengive sono ben guarite. Se il dente è stato tolto perché aveva un granuloma alla punta della radice conviene aspettare un paio di settimane. Anche se facciamo una decontaminazione ossea con il laser del sito post-estrattivo, sono i tessuti molli che devono avere una certa maturità, e non ci devono più essere dei germi nell’osso che possono compromettere l’osteointegrazione.. Se hai perso dei denti perché hanno iniziato a dondolare spontaneamente, vorremo prima controllare lo stato di salute delle gengive dei denti rimasti, e cioè se ci sono delle tasche parodontali. Bisogna prima controllare la parodontite con una terapia causale. Quando tutto è sotto controllo e tu riesci a pulire bene i denti rimasti, allora possiamo procedere con la terapia implantare.
Qualsiasi tipo di manufatto che occore per la riabilitazione della tua bocca viene costruito su misura dal tecnico professionista in un laboratorio odontotecnico sulla base di un’impronta dei tuoi denti presa in studio. I manufatti sono protesi rimovibili, sia totali che parziali, che sostituiscono i denti persi, e apparecchi ortodontici, paradenti e bite. Ma anche le protesi fisse come gli intarsi, le facette estetiche, capsule e ponti su denti naturali e su impianti. I cucchiai porta-impronta sono dei contenitori che riprendono l’arcata dentale superiore e inferiore, e possono essere di metallo o di plastica. Hanno già la forma dell’arcata. Ci sono porta-impronte per l’arcata inferiore e per l’arcata superiore, con misure diverse per chi ha la bocca grande o piccola. Per prendere l’impronta per la lavorazione di un manufatto si preparano impasti morbidi (alginati, siliconi) da posizionare nel porta-impronta e da far aderire e solidificare alla parte dei tuoi denti da cui si vuole trarre il modello. La consistenza di questi materiali è come quella del das, o della creta, e in pochi minuti si induriscono in bocca. Nell’impronta solidificata l’odontotecnico colerà il gesso riuscendo, attraverso tanti passaggi, a dare forma ai nostri denti mancanti o al manufatto di cui necessitiamo. L’odontotecnico è la persona che su indicazione del dentista e con l'aiuto dell'impronta, dalla registrazione dell' ingranaggio dei tuoi denti e con l'aiuto di foto prepara il lavoro finale che verrà collocato nella tua bocca. Lui non lavora mai in bocca, ma in laboratorio. A lavoro finito rilascia un attestato, la conformita dei materiali usati per il manufatto.
Quando mancano dei denti, sempre più spesso si sceglie una soluzione fissa, senza coinvolgere i denti vicini. Cioè si decide per degli impianti dentali, le radici artificiali, con le quali si mastica come con i denti naturali. Ci sono però delle chiare indicazioni e controindicazioni. Non è sempre un’alternativa possibile ad un apparecchio rimovibile o ad un ponte. Dipende dalla salute, dalle limitazioni anatomiche e dalle disponibilità del paziente. Gli impianti possono essere usati per sostituire un dente singolo o tutti i denti di una arcata, o potrebbero essere dei pilastri per un ponte fisso, ma possiamo anche incrementare notevolmente la stabilità di una protesi totale con l’aiuto degli impianti. Un impianto dentale assomiglia molto ad una vite che si colloca nell’ osso con un intervento chirurgico poco invasivo. Con l’anestesia locale si sposta la gengiva dove prima si trovava il dente e si crea il foro adatto per l’impianto. Spesse volte non troviamo osso sufficiente per poter ospitare l’impianto, come in un muro sottile non avrebbe poi la stabilità primaria. In tal caso dobbiamo rigenerare l’osso, una procedura che crea le condizioni giuste per poter procedere con il posizionamento della vite. Come si può capire il futuro dente sull’impianto deve avere un buon ingranaggio con gli altri denti in bocca e per questa ragione, quando non troviamo osso nel posto giusto, bisogna anche in quel caso rincorrere alla tecnica di rigenerazione ossea. In certi casi proponiamo invece dell’intervento un trattamento ortodontico. Con la rigenerazione ossea ortodontica si spinge una radice in una certa direzione creando cosi osso sufficiente per posizionare una vite di titanio. Nello Studio Moll ci siamo specializzati e abbiamo sempre seguito attentamente tutti gli aggiornamenti nel campo di rigenerazione ossea. Senza la conoscenza eccellente di quest'ultima non si può affrontare un intervento di chirurgia implantare perchè si trova dei diffetti ossei in nove su dieci casi. Usando le tecniche idonee e i materiali scientificamente comprovati riusciamo a risolvere anche il tuo caso quando ti hanno detto "non hai osso sufficiente, niente da fare, niente impianti" Finito l’intervento bisogna aspettare da 3 a 6 mesi per poter mettere in funzione la radice artificiale. Ma c'è con la giusta indicazione anche l'opzione di un carico immediato. (vedi carico immediato) Quando si attende l’osteointegrazione, ovvero la creazione di un legame intimo tra osso e l’impianto, che è fatto di Titanio, un materiale bioinerte.Trascorso questo periodo bisogna riportare alla luce la vite da sotto la gengiva. Questa procedura nello Studio Moll viene eseguita con l’ausilio del laser. Senza anestesia o con una crema anestetica. Dopodiché possiamo continuare con le procedure per preparare la protesi desiderata. I grandi vantaggi degli impianti sono soprattutto la ritrovata funzionalità masticatoria, paragonabile a un dente naturale. I denti vicini non sono coinvolti, non ci vogliono pilastri per la sostituzione di un dente mancante. L’impianto è inserito nell’osso e può sostituire apparecchi e altre protesi rimovibili ciò evita il riassorbimento osseo che comporta gli apparecchi rimovibili. Certo l’impianto richiede più attenzione per quanto riguarda l’igiene orale quotidiana. Va pulito sempre meticolosamente con spazzolino, scovolino o superfloss.Lo svantaggio è magari il fatto che devi subire un intervento chirurgico. Potresti sentire dei disagi, anche se lievi, ad alcune persone può gonfiare la parte trattata. Bisogna prendere medicine (antibiotici ecc.) e seguire alla lettera le indicazioni post-operatorie, come l’astenersi dal fumo giorni prima e dopo l’intervento. Il rischio di fallimento, il cosidetto rigetto, in generale è del 5-8%. Questa percentuale è un po’ più alta quando un soggetto fuma, soffre di diabete o di altre malattie sistemiche. Un paziente è idoneo per l’implantologia se è in buona salute, con le gengive sane e con una seria motivazione a mantenere bene l’impianto, e a recarsi 2/3 volte all’anno da noi per farsi controllare. Dall’anamnesi medica possiamo vedere se ci sono controindicazioni per un trattamento implantare. Nello Studio Moll usiamo il laser per la gestione dei tessuti molli peri-implantari, e l'ultrasuoni piezosurgery per le osteoectomie, ovvero il sito nell'osso . La scelta di usare un apparecchio ad utrasuoni abbiamo fatto perchè è motlo più a-traumatico delle frese tradizionali. Ti vogliamo dare il massimo del confort, lavorando in modo più a-traumatico possibile che comporta una rapida guarigione e successo della terapia implantare. Consulta le domande frequenti sull'implantologia 
Impianti con carico immediato In implantologia parliamo di carico immediato quando entro 48 ore dall'intervento sull'impianto dentale viene messa una protesi provvisoria. Vogliamo distinguere diverse scenari: Quando potremo fare un impianto con carico immediato? 1/E' possibile fare l'estrazione con impianto immediato, ma solo nel caso di una stabilità primaria perfetta si può anche subito protesizzare con provvisorio. Certo è che spesse volte dopo un'estrazione c'è una mancanza ossea che potrebbe impedire l'aproccio del carico immediato. Dobbiamo tenere conto dell'ampiezza del difetto osseo che potrebbe richiedere l'uso di tecniche di rigenerazione ossea e di conseguenza allontanare la possibilità di un carico immediato. Un altra ragione per preferire un impianto a tempo differito (8 settimane dopo l'estrazione) potrebbe essere la presenza di un granuloma esteso al livello dell'apice della radice da estrarre. Preferiamo fare guarire l'osso e i tessuti molli in modo che non ci sono più esiti batteriche dove prima si trovava il granuloma. Per poi non oltre le 8 settimane di attesa procedere con l'intervento di implantologia in questo caso potremo anche fare un carico immediato: il dente provvisorio immediatamente sopra l'impianto. 2/Dopo la guarigione del sito post-estrattivo con o senza rigenerazione ossea si posiziona l'impianto che carichiamo subito con una protesi. Ci sono delle distinzioni da fare per quanto riguarda la funzionalità. Un impianto può avere un provvisorio immediatamente posizionato dopo un intervento, ma non dovrà avere alcuna funzione per quanto riguarda la masticazione. Benché servirà esclusivamente per ragioni estetiche e non sarà in contatto con i denti con cui nel futuro avrà il suo ingranaggio. La funzionalità masticatoria viene sostenuta dai denti adiacenti durante la guarigione e il periodo di osteointegrazione. Invece metteremo subito in carico masticatorio occlusale nei casi in cui posizioniamo più impianti per sopportare per esempio una protesi totale. (All on six, All on four). In questa maniera c'è una distribuzione del carico funzionale su più impianti splintati dall'apparecchio. Sono un candidato per carico immediato? Prima che optiamo per una soluzione con carico immediato nello Studio Moll facciamo, come per qualsiasi intervento invasivo, una valutazione attenta dello stato generale della bocca.  Valutiamo lo stato della dentatura residua, la situazione parodontale che riguarda le gengive e il sostegno del dente nell'osso e ci soffermeremo particolarmente sulle condizioni igieniche della bocca. Un indice importante che ci rivela quanto ci tieni alla tua bocca e quanta voglia o capacità avrai di mantenere nel tempo una protesi sui impianti. Posso usare i denti subito normalmente? E' estremamente importante che il carico immediato non sia un carico eccessivo. Sappiate che i micro-movimenti fino a 150 micron causati magari dal passaggio del cibo non disturberanno l'osteointegrazione. Superando questo limite però c'è il rischio di interposizione di tessuti molli che impedisce l'accrescere dell'intimo contatto tra impianto ed osso, l'osteointegrazione appunto. Facciamo un analisi dei modelli di studio, delle radiografie e delle tomografie. Faremo delle protesi provvisorie che proviamo in bocca controllando la loro funzionalità. In fine basandoci su queste informazioni, avendo studiato tutto il tuo caso, potremo fare l'intervento implantare  protesicamente guidato con l'obiettivo di consegnare una protesi immediata idonea. Trascorsi 4-6 mesi dal posizionamento della protesi provvisoria, utili per l'osteointegrazione degli impianti, si può iniziare con la realizzazione del manufatto definitivo. I grandi vantaggi del carico immediato sono il mantenimento dell'osso, che subisce adesso un riassorbimento minore e l'estetica istantanea in seguito all'intervento. Lo svantaggio potrebbe essere un leggero aumentato del rischio di rigetto. Come sempre nello Studio Moll valutiamo insieme quale sia la strada giusta da percorrere prendendo in considerazione la tua salute , le tue abitudini (fumo, igiene orale), le tue esigenze e le condizioni e limitazioni della tua bocca Simmagini 3D che sono indispensabili per poter fare un progetto per la sua bocca con impianti.
No, l’intervento non fa male perché mettiamo l’anestesia locale. Può durare da 30 minuti a un’ora e mezza, dipende se si tratta di un intervento complesso con rigenerazione ossea. Facciamo le foto per documentare bene il caso e puoi riposare qualora ne sentissi il bisogno. In ogni caso puoi parlare se ci fosse un problema o un disaggio. Dopo l'intervento potresti gonfiare, di più quando l’intervento per mettere gli impianti dentali è nella mascella superiore, ma non sentirai dolore, giusto il disagio dell’intervento. Usando per bene le medicine prescritte e seguendo le istruzioni post-operatorie avrai una rapida e buona guarigione.
 
Pagina 1 di 3