Risultati della ricerca:

Results from 1 to 2 on 2 found for frenulectomia
Un frenulo è fatto di tessuto conettivo fibroso e può essere più o meno spesso. Guida e limita i movimenti del labbro e della lingua.                                                                                    Un frenulo viene considerato dannoso quando causa per esempio una recessione della gengiva al colletto del dente frontale o laterale sui denti inferiori e  superiori. La frenulectomia veniva eseguita con il bisturi e suture ma oggi un intervento laser indolore risolve il problema senza dolori post-operatori o fastidi di suture. La guarigione rapida dimostra dopo poco tempo di solito  una ricopertura di questo tipo di recessione. Nei bambini soprattutto scopriamo certe volte un frenulo troppo grosso sotto labbro superiore, che, inserendosi nella papilla, che sarebbe il triangolo di gengiva tra i denti, lascia poi una larga fessura tra quei denti centrali. Capita anche che il labbro, a causa del frenulo, è corto e tira in avanti la mascella superiore, e i denti sono sporgenti. In questo caso il bambino può trovare difficoltà e dolore con lo spazzolamento dei denti centrali superiori. La rimozione del frenulo con il laser fa sì che i denti si possano avvicinare e che il labbro si allunghi facilitando la pulizia e la pronuncia. Facciamo la visita dallo specialista in ortodonzia se riscontriamo altri problemi di ingranaggio dei denti. Un bambino con un frenulo grosso e corto sotto la lingua può essere impedito nel pronunciare certe parole correttamente e ci possono essere dei problemi nel deglutire. Prima di portarlo per una consulenza dal logopedista dovremo verificare se la rimozione di questo frenulo con il laser risolve il problema. Un intervento indolore, praticamente senza sanguinamento e senza l’uso di suture allunga la lingua in un istante. La guarigione è molto rapida e chiediamo al bambino soltanto di fare tante “linguacce” per allenare e tenere allungata la lingua. Per il tuo figlio è sicuramente consigliabile  un trattamento laser visto che un intervento con il bisturi prevede anestesie dolorose, sanguinamenti cospicui e suture che danno noia ed irritazione al bambino, e una guarigione molto più lenta  e dolorosa che col laser.  Certo informati su quale tipo di laser viene usato perchè per un laser a Diodi o a CO2 ci vuole comunque l'anestesia e le carbonizzazioni portano comunque a una fase infiammatoria della guarigione che può essere più o meno fastidioso. Nello Studio Moll usiamo un laser che leva giusto strati di micron di tessuto che porta a una rapidissima guarigione senza che il bambino se ne accorga.
Dal 2003 lavoriamo con il laser nello Studio Moll. La lunghezza d’onda della luce laser determina dove e per quale trattamento vogliamo usare il laser. Proprio perché è una punta di luce, ci si può immaginare quanto è piccola la superficie dove il laser agisce. Per questa ragione si può capire che il laser lavora in modo mini-invasivo: lascia intatti i tessuti sani ed elimina quelli malati. Oltre al fatto che apre un nuovo campo di interesse per l‘operatore, l’odontoiatria-laser porta dei grandi benefici per il paziente: il laser alza la soglia del dolore, di solito non bisogna utilizzare l’anestesia. l’effetto battericida: il laser disinfetta e decontamina al contrario della fresa, del bisturi ecc. Comporta una rapidissima guarigione senza disagi.  In chirurgia con l’applicazione si trova un ridotto o assente sanguinamento. L’uso del laser comporta l’assenza del fischio del trapano che dà fastidio a tanti pazienti. Si possono sostituire quindi bisturi, trapano e fresa, strumenti manuali e agenti chimici con un laser. Certo dipende dall’operatore, cioè quando e come vuole integrare il laser nei trattamenti odontoiatrici nella tua bocca. I trattamenti laser-assistiti: la diagnosi precoce della carie, le sigillature per la prevenzione della carie nei bambini, la rimozione delle carie, lo sbiancamento dei denti, trattamento dei colletti sensibili, i piccoli interventi chirurgici, frenulectomia senza suture, coagulazione sito post-estrattivo, trattamento delle gengive come gengivectomie, e rimodellamento, rimozione cicatrici, estetica rosa, rimozione iper-pigmentazione e tatuaggi della gengiva, trattamento herpes labialis e afte con desensibilizzazione immediata, nell’implantologia, (rimodellazione tessuti molli, peri-implantite, osteotomie), allungamento della corona clinica (rimodellazione osso e gengive di un sorriso gengivale), nell’endodonzia, (disinfezione dei canali, apicectomia) nella parodontologia (rimozione tessuti infiammatori, disinfezione dei tessuti molli e mordenzatura radicolare). ...e ci sono tante altre applicazioni! Il laser non è applicabile nella rimozione dell’amalgama, di leghe metalliche o di cementi che riflettono. Consulta le domande frequenti sul laser 
 
Pagina 1 di 1