Risultati della ricerca:

Results from 1 to 2 on 2 found for cure canalari
Con l’apicectomia o la rimozione chirurgica dell’apice radicolare del dente si rimuove un granuloma, che si è sviluppato a causa di un' infezione batterica nell' osso di sostegno del dente. In realtà un apicectomia viene eseguita quando un trattamento tradizionale di rimozione del nervo infettato del dente non è possibile, ma anche quando un trattamento endodontico, la devitalizzazione del dente, è fallito. Il trattamento endodontico, o cure canalari, o devitalizzazione è uno dei trattamenti più difficili da eseguire in bocca. Ogni dente ha un nervo che consiste di un canale principale con tanti canali laterali. Proprio questi canali laterali possono creare dei problemi, infatti possono essere difficilmente disinfettati, perché non-raggiungibili con gli strumenti, le irrigazioni, gli ultrasuoni, ò con il laser. Inoltre a causa di limitazioni anatomiche come canali molto curvi, ostruzioni, canali sclerotici una cura canalare può avere degli esiti incompleti. Anche un dente con un trattamento endododontico apparentemente ben riuscito però può dopo anni sviluppare un granuloma all’apice della radice. La causa di solito sono i batteri (gram-positivi, l’ e.faecalis) molto resistenti annidati nei canali laterali che non sono stati eliminati nel trattamento endondontico primario. L’intervento chirurgico di apicectomia è eseguito in anestesia locale. Useremo il piezosurgery per creare l'accesso alla lesione nell'osso e successivamente il laser che con la sua capacità altamente decontaminante elimina tutti i batteri, tutto il tessuto di granulazione e rimuove l’apice del dente. Eventualmente viene applicato un sigillo retrogrado sulla radice tagliata. Nei controlli successivi radiografici si può valutare dopo un 6-12 mesi il successo del trattamento. Quando un dente ha una radice già molto corta, o se c’è stato un riassorbimento radicolare a causa di questo granuloma, direi che sia controindicata l’apicectomia.A quel punto sarebbe più indicata l’estrazione e in un tempo successivo l’impianto dentale in sostituzione del dente.Facciamo comunque sempre con te una valutazione molto accurata sui costi, benefici, prognosi e alternative di trattamento nel contesto di tutto il piano di trattamento della tua la bocca.
Una cura canalare o devitalizzazione è la rimozione del nervo infiammato, infettato o avitale (morto) del dente. Decidiamo di fare una cura canalare su varie indicazioni:  Nel caso di un forte dolore in un dente e quando qualsisasi pressione fa male, un dente intoccabile che può essere diagnosticato come pulpite acuta irreversibile. L’unica cura è la devitalizzazione. Quando ti troviamo una carie molto profonda che tocca il nervo. Con una estensione del genere possiamo supporre che il nervo sia infettato dai batteri della carie, e va rimosso. Una parte del nervo potrebbe già essere morta e potrebbe essersi formato un granuloma alla punta della radice, visibile sulla radiografia. Così anche nel caso di un’ otturazione grande che è infiltrata dalla carie.  Un dente avitale con il nervo in putrefazione può causare un ascesso, che è un gonfiore sotto la mucosa che è fluttuante per la presenza di pus. Al solito fa male al tatto. Talvolta un ascesso trova un via d’uscita con una fistola, che si riconosce come una bollicina biancastra sulla mucosa o sulla gengiva. Bisogna fare la cura canalare per risolvere questa situazione.  In seguito a un trauma, un nervo può morire. Con il tempo il dente può piano piano cambiare colore, scurirsi e allora bisogna pulire il dente all’interno levando il nervo in putrefazione, chiuderlo ed eventualmente sbiancare il dente con perborato. Ci potrebbero essere anche delle indicazioni protesiche. Per poter includere un dente lungo, che per mancanza di un contatto con un dente in contrasto è cresciuto eccessivamente giù o su, in un piano di riabilitazione, con capsule e ponti, certe volte bisogna devitalizzare.Ma anche un dente troppo corto a causa di bruxismo potrebbe richiedere un trattamento endodontico. Chiaramente discutiamo tutte le possibili valutazioni sul trattamento per questi denti. Una ragione potrebbe consistere anche nella salute dell’osso di sostegno del dente. Quando un dente con più radici a causa della parodontite ha una perdita dell’osso eccessiva ad una radice, potremo eliminare soltanto quella radice per poter salvare il dente. Certamente non possiamo togliere una radice senza fare una devitalizzazione e pulire ed otturare i canali delle radici rimaste, perché sono collegati.   Iniziamo il trattamento con un’anestesia in modo che tu non senta nessun disagio durante il trattamento. Attraverso un foro nel dente troviamo i canali dove si trova il nervo e iniziamo a prepararli fino alla lunghezza giusta del canale stesso. Quando i canali sono allargati e disinfettati con agenti chimici, passiamo con una punta speciale del laser per ottenere una sterilizzazione più completa. I canali vengono asciugati e chiusi con un materiale bio-inerte come “gutta percha” e potremo fare la ricostruzione del dente. Se non riusciamo ad asciugare bene i canali preferiamo applicare un medicinale come idrossido di calcio e chiuderemo con un otturazione provvisoria. Dopo la chiusura dei canali con il gutta percha i giorni successivi potresti sentire un tipo di pressione, che dopo alcuni giorni dovrebbe sparire. E’ anche possibile che tu senta ancora un tipo di dolore che piano piano deve svanire. Purtroppo il dentista può in questi casi solo prescrivere un antidolorifico. Un dente dopo una cura canalare diventa più fragile e consigliamo di incapsulare il dente devitalizzato. Un dente trattato in questa maniera ha una buona prognosi. Attenzione!.. anche se un dente è devitalizzato, lui può di nuovo essere cariato se la placca batterica non viene rimossa quotidianamente. L'incidenza della carie non riguarda la vitalita di un dente, ma solo lo smalto o dentina esposti alla placca batterica. Quindi mantenere i denti ben puliti.
 
Pagina 1 di 1